Tutorials

  • Presto on-line...

About ...

  • ... questo sito
  • ... me


DNS e cache dei domini

dns, cache, lookupd
Qualche volta capita di avere dei problemi con uno specifico DNS server. La soluzione potrebbe essere semplicemente quella di usare un DNS diverso, ma bisogna ricordarsi della cache dei domini che sono stati già utilizzati.

La risoluzione dei nomi di un dominio

Brevemente (e semplificando di molto): ogni computer (per lo meno, ogni server) connesso ad internet viene identificato da un numero unico chiamato IP. Un IP (detto IPv4) e’ identificato da 4 numeri separati da un punto (es. 192.0.34.166). Va da sè che ricordarci i numeri che identificano i nostri siti preferiti, diventa molto difficile. Per questa ragione, ad un indirizzo IP viene spesso associato un nome simbolico utilizzando il servizio DNS.
Quando, ad esempio, vogliamo connetterci al sito della Apple, digitiamo sul browser il nome del sito “www.apple.com”. E’ il browser che si occupa di interrogare il DNS per scoprire a quale IP è necessario collegarsi.
Il DNS è essenziale per l’usabilità di Internet, e come tutte le cose, può guastarsi o non funzionare correttamente. Siccome senza il DNS diventa molto difficile, se non impossibile, poter continuare a navigare nella rete, il servizio è realizzato tramite un database distribuito, costituito da tanti server DNS interconnessi. Succede allora che il malfunzionamento di un solo server non compromette gravemente l’usabilità generale.

Usare un altro DNS

Se il DNS che stiamo usando in un dato momento smette di funzionare o, più frequentemente, non è correttamente aggiornato. Si può allora cambiarlo con un altro dal pannello “Preferenze di sistema”. Purtroppo però si deve fare i conti con un secondo meccanismo: la cache del nostro computer.
E’ molto probabile che ormai il sito che vogliamo raggiungere sia stato interrogato sul vecchio DNS e che quindi l’IP incorretto sia stato già salvato nella memoria temporanea (cache) dei domini già utilizzati. In questo caso, cambiare DNS non risolve immediatamente il problema.

Svuotare la cache del DNS

Ci viene in aiuto il comando lookupd da digitare nel terminale con il parametro ”-flushcache”.

$ lookupd -flushcache

Il prossimo accesso all’indirizzo che non funzionava si trasforma in una richiesta di IP al nuovo DNS… e, se il problema era localizzato nel vecchio DNS, questa volta avremo una risposta correta.

Per approfondimenti


Posted on Nov 27, 2005 - 03:32 AM


Ricerca:


Adv:

ApplePro :
Vuoi acquistare un prodotto dalla Apple? Sei un utente Pro (cioè hai la partita IVA)? Se vuoi supportare il nostro sito, passa da qui: apple pro.